giovedì 5 maggio 2016

Millenials: chi sono e cosa vogliono i nuovi consumatori

Se ne parla sempre più spesso, ma le aziende brancolano ancora nel buio quando si tratta di tracciare un profilo di chi si è affacciato sui mercati globali dal 2000 in poi

Millenials, questi sconosciuti. Stiamo parlando di ragazzi e ragazze che nel 2000 avevano dai 18 anni in giù, che oggi ne hanno quindi tra i 34 e i 22 e che di conseguenza si sono affacciati sui mercati globali, compreso quello turistico, in piena rivoluzione digitale prima, e social poi. Cosa vogliono, queste giovani leve? Cosa cercano? Domande strategiche, perché chi trova la risposta giusta ha in mano i consumatori del futuro, ma a cui le aziende faticano a trovare una risposta. Ora viene in aiuto una mastodontica ricerca (600.000 ragazzi statunitensi coinvolti) condotta da JD Power  che svela diversi tratti salienti.
Innanzitutto, com’è tipico per i ragazzi, i Millenials sono inguaribili ottimisti. Sono consapevoli delle difficoltà dell’economia mondiale odierna, nel trovare lavoro e nell’avere una pensione in futuro, ma nonostante tutto continuano ad avere fiducia nel domani e, di conseguenza, a viaggiare.
In secondo luogo, rispetto ai viaggiatori più attempati sembrano meno preoccupati per la loro privacy. Se c’è da cedere qualche informazione personale per avere sconti o vantaggi, non si fanno troppi problemi (consci evidentemente che l’informativa per la privacy mostrata loro dalla struttura viene in genere rispettata). Questo è ovviamente un vantaggio per le strutture ricettive.
A dispetto della giovane età, inoltre, i Millenials sono meno volubili dei loro genitori. Nel senso che magari non sono semplici da fidelizzare, ma dal momento in cui lo sono tendono a restare fedeli e soprattutto non sono disposti a cambiare di fronte alla prospettiva di qualche euro di risparmio.

Una cosa su cui non transigono, però, è la qualità del servizio. Ritardi, errori ed inefficienze non sono tollerati. Ma ciò che veramente costituisce la chiave per conquistare i Millenials è il rapporto qualità-prezzo: se si ha un buon servizio e lo si vende ad un prezzo competitivo rispetto alla concorrenza, i ragazzi apprezzeranno subito.